70º CAI San Fruttuoso
Inaugurazione Mostra

11 Novembre 2016

Per festeggiare i suoi settanta anni di storia, nel mese di novembre 2016 il CAI San Fruttuoso ha organizzato una serie di eventi: una mostra fotografica, un pranzo sociale, una serata con l’alpinista Hervè Barmasse e una serata con il gruppo vocale forbasco “Li Ósc’”.

Primo evento in programma la mostra “Guardiamo Sempre in Alto”, allestita nello spazio espositivo dell’Urban Center in contemporanea con l’esposizione di acquarelli “I Luoghi dell’anima” dell’artista anglo-svedese Kim Sommerschield. Serata inaugurale venerdì 11 novembre presso la sala E dell’Urban Center: invitati i rappresentanti del comune, delle società alpinistiche di Monza e dei gruppi e delle associazioni che, insieme alla nostra sottosezione, operano sul territorio del quartiere San Fruttuoso.

Inizio della serata con il discorso del nostro reggente Carlo Pessina: una breve relazione sulla storia del C.A.I. San Fruttuoso, dalle origini ai giorni nostri, citando i “successi” (attività come gli storici campeggi o i più recenti corsi sci) e le difficoltà incontrate (anche economiche — ricordata la famosa colletta per poter comprare i chiodi da arrampicata), ma soprattutto evidenziando lo spirito con cui tutte le iniziative vengono pensate ed affrontate. Sono state quindi consegnate delle targhe a tutti gli invitati presenti (purtroppo, per concomitanza di impegni, si sono registrate alcune assenze); l’assessore Appiani, rappresentante del comune di Monza, nostro ospite, e Mario Cossa, presidente dei C.A.I. Monza da cui la nostra sottosezione dipende, sono quindi stati invitati a tenere un breve discorso.

Una targa è stata consegnata anche a Patrizia d’Andolfo: gesto in ricordo del marito Adriano Caprotti, per lunghi anni reggente della sottosezione e purtroppo recentemente scomparso.

E, per finire, due parole da parte di Kim Sommerschield. Anche a lui è stata donata una targa; in quanto nostro “coinquilino” nella sala espositiva ma, soprattutto, perché sulla targa è rappresentato l’acquarello del Resegone che ha donato alla sottosezione.

Al termine delle celebrazioni, trasferimento nello spazio espositivo: taglio del nastro, eseguito dal nostro reggente e da Kim, e inaugurazione e apertura delle mostre al pubblico; pubblico che, nell’occasione, ha potuto godere di un piccolo rinfresco offerto dal C.A.I. San Fruttuoso.

Nel seguito vengono proposte alcune foto scattate durante la serata: i discorsi del nostro reggente, dell’assessore Appiani e del presidente del C.A.I. Monza, le targhe donate alle società invitate, la consegna delle targhe stesse ai rappresentati delle società e alla moglie (e nipotini) di Adriano Caprotti, il taglio del nastro, il pubblico e il rinfresco.


Inaugurazione Mostra: “i discorsi”.

Clicka per ingrandire l'immagine Clicka per ingrandire l'immagine Clicka per ingrandire l'immagine

Inaugurazione Mostra: “le targhe”.

Le targhe pronte per la consegna ai rappresentanti del comune e delle società invitate. Sul lato in evidenza nella foto, la riproduzione dell’acquarello del Resegone donatoci da Kim Sommerschield. Clicka per ingrandire l'immagine

Inaugurazione Mostra: “la consegna delle targhe”.

Clicka per ingrandire l'immagine Clicka per ingrandire l'immagine Clicka per ingrandire l'immagine
Clicka per ingrandire l'immagine Clicka per ingrandire l'immagine Clicka per ingrandire l'immagine
Clicka per ingrandire l'immagine Clicka per ingrandire l'immagine Clicka per ingrandire l'immagine

Inaugurazione Mostra: “in memoria di Adriano”.

Una targa anche in ricordo di Adriano Caprotti, per anni reggente della sottosezione e purtroppo recentemente scomparso mentre ancora era titolare della carica. Clicka per ingrandire l'immagine Clicka per ingrandire l'immagine

Inaugurazione Mostra: “il taglio del nastro”.

Il momento dell’inaugurazio– ne vera e propria, ovvero il taglio del nastro eseguito dal nostro reggente Carlo Pessina e dall’acquarellista Kim Sommerschield. Clicka per ingrandire l'immagine Clicka per ingrandire l'immagine

Inaugurazione Mostra: “il rinfresco e il pubblico”.

Clicka per ingrandire l'immagine Clicka per ingrandire l'immagine Clicka per ingrandire l'immagine